Serie: Svanitella Svanitè

Svanitella è un personaggio animato ideato da Paul Campani e Max Massimino Garnier dal carattere piuttosto particolare. Gisella Sofio le dà la voce, le offre il modello fisico ed è sui personaggi delle sue signore svanite e linguacciute che Svanitella è disegnata. Il personaggio, che non è tanto rivolto ai bambini ma piuttosto ad un pubblico adulto, sembra far parte della piccola borghesia romana dei primi anni '60 descritta molto bene dal cinema leggero del tempo, in particolare di Dino Risi che meglio riusciva a cogliere questo lavoro su quella società con i suoi piccoli piaceri e le sue invidie.
Utilizzando la formula del diario, Svanitella non fa altro che sparlare delle amiche; si commuove solo quando pensa alla cera Liù della Benelli che le permette di far brillare la sua casa. Nel primo ciclo del 1961 arriva Riccardone, il fidanzato completo di ciuffo, bicipiti, giubbone di pelle e parlata romanesca alla Maurizio Arena, pasticcione che combina sempre guai in ogni situazione, come quando rovina il filmino del viaggio fatto insieme, oppure cerca di appendere quadri in casa o di riparare un rubinetto che perde, e persino quando si da a sport strani, come il bob.
Nel 1962 la serie prosegue anche con un altro titolo: "Come se niente fudesse".
Nell'estate del 1961 viene lanciata la serie dedicata all'insetticida Superfaust dal titolo "Riccardone Superfusto" che ha per protagonista il fidanzato di Svanitella. Nel 1967 appare Riccardella, la figlia di Svanitella e Riccardone, che nello stesso anno avrà una sua serie.

Titoli alternativi: Come se niente fudesse
Marca pubblicizzata: Benelli
Prodotti: Cera Liù Mobili Spray, Cera Liù Superiride, Deodorante Liolà, Superiride
Anni di messa in onda: 1960 - 1967



Episodi:

  1. L’amica Giusy e la moglie dell’ingegner Rossi (1960)
  2. Recital di beneficenza (1961)
  3. Caccia alla tigre (1961)
  4. Antonietta la sportiva (1962)
  5. Campionato di piroga (1963)
  6. Riccardone idraulico (1964)
  7. La sirenetta (1966)
  8. Nel regno delle carte (1966)