Marca: Cotonificio Vallesusa

Il Cotonificio Vallesusa è stata un'azienda tessile che per molti anni ha avuto una posizione di primo piano in Italia per tutto il ciclo cotoniero, dalla filatura alla tessitura di cotone.

L'azienda acquistata da Augusto Abegg il 4 dicembre 1906 è nata con il nome di Società anonima Cotonificio Valle Susa e per oggetto sociale aveva la destinazione per l'industria e il commercio del cotone e materie affini; La società concentra la precedente attività svolta fin dal 1880 dalla Snc di Wild e Abegg.
Nel 1914 la Società anonima "Cotonificio Vallesusa" è stata poi trasformata in Cotonificio Valle Susa di A. Abegg e C., con al vertice Augusto Abegg affiancato dal fratello Carlo Abegg. Il gruppo comprendeva stabilimenti a Borgone di Susa, Torino, Rivarolo Canavese, Sant'Antonino di Susa, Bussoleno, Pianezza, Susa e Lanzo Torinese, quando il gruppo aveva filature per 200.000 fusi che incrementò con l'acquisto del Cotonificio di Perosa Argentina specializzato nella lavorazione dei titoli fini. Nel frattempo la ragione sociale cambiò in "Cotonificio Valle di Susa" . Prima del Dopo Guerra, nel 1947 la famiglia Abegg ha venduto le sue azioni ad un imprenditore italiano di Legnano di nome Giulio Riva, che già possedeva una serie di aziende tessili cotoniere (Unione Manifatture, Cotonificio Olcese e Cotonificio C. Dell'Acqua).

Giulio Riva morì nel 1959 a causa di alcune complicazioni seguite da un'operazione medico-chirurgica, giudicata in principio non di grande rilevanza.
Il figlio di Giulio, Felice Riva (1935-2017) detto "Felicino" o anche "delfino della finanza" o semplicemente "biondino", fece precipitare la fabbrica in alcune speculazioni finanziarie ad alto rischio. Il 20 settembre 1960 iniziò poi una vertenza sindacale portata avanti dalle maestranze femminili dell'azienda che si concluse soltanto cinque mesi dopo ed il 18 febbraio 1961 con la firma di un accordo sindacale che prevedeva l'aumento dei salari e l'introduzione del premio aziendale di produttività.
La vertenza, iniziata senza sospetti, si trasformò tuttavia in una dura contrapposizione, a causa del rifiuto opponente ad ogni trattativa di Felice Riva. Le dimostranti sindacali ricevettero l'appoggio dei metalmeccanici aderenti alla Fiom e alla Fim.
Nel 1969 l'azienda entrò in fallimento, a causa della spregiudicata gestione della proprietà Riva, lasciando senza lavoro i circa 8.000 dipendenti del gruppo industriale.

La gestione del gruppo passò rimanente alla società E.T.I. Vallesusa che portò a termine la difficile ristrutturazione aziendale. Nella società, inizialmente con una forza lavoro composta dalle maggiori aziende italiane, rimase isolata la fabbrica Montefibre, attraversata anch'essa da un importante ristrutturazione aziendale.

Informazioni tratte dalla pagina di Cotonificio Vallesusa su Wikipedia con licenza CC-BY-SA.


Prodotti pubblicizzati: Camicie, Cera Grey, Detersivo Grey





Serie

  Titolo serieAnni
1 Nato con la camicia 1959-1965